La XV edizione del Premio BIAGIO AGNES

S

PREMIO BIAGIO AGNES 2023

in collaborazione con la Rai e in partnership con Confindustria

con il Patrocinio di Camera dei Deputati, Presidenza del Consiglio dei Ministri,

Sotto l’Alto Patrocinio del Parlamento europeo

La XV edizione del Premio ieri sera in piazza del Campidoglio a Roma

con alti rappresentanti delle istituzioni e i grandi professionisti dell’informazione, dello spettacolo e della cultura

La serata televisiva in onda il prossimo 4 luglio su Rai1

La Fondazione che promuove il Premio internazionale di giornalismo e informazione porta il nome di Biagio

Agnes, noto giornalista italiano, protagonista di rilievo della Rai, difensore del suo servizio pubblico, capace

di intervenire con saggezza e decisione a garanzia di un’informazione autentica e corretta”. Lo ha affermato

questa mattina Papa Francesco ricevendo in udienza una delegazione del “Premio Biagio Agnes”, giunto

quest’anno alla quindicesima edizione.

I temi “caldi” dell’attualità, dalla guerra in Ucraina ai diritti civili, la riflessione sulle nostre radici europee, e la

valorizzazione del giornalismo più corretto e credibile accanto all’intrattenimento e alla grande musica

italiana hanno animato ieri sera la Cerimonia di Premiazione del “Premio Biagio Agnes” in onda il

prossimo martedì 4 luglio in seconda serata su Rai1. Promosso dalla Fondazione Biagio Agnes, in

collaborazione con la Rai e con Confindustria, il Premio Agnes ieri sera ha avuto l’onore di accogliere

autorevoli rappresentanti delle istituzioni: da Roberta Metsola, la più giovane Presidente del Parlamento

Europeo, che la giuria presieduta da Gianni Letta ha voluto insignire in questa edizione del Premio per le Istituzioni Europee, al vicepremier e Ministro degli Esteri Antonio Tajani, dal Ministro dell’Interno Matteo

Piantedosi a Gennaro Sangiuliano, Ministro della Cultura, da Maria Elisabetta Alberti Casellati, Ministro per

le Riforme Istituzionali e la Semplificazione normativa al Vicepresidente del Senato Maurizio Gasparri.

La cerimonia, come da tradizione condotta da Mara Venier e Alberto Matano, si è svolta per il secondo anno a Roma, nella magnifica piazza del Campidoglio, alla presenza del Sindaco di Roma Roberto Gualtieri, dell’Assessore ai Grandi Eventi Alessandro Onorato, dell’amministratore delegato della Rai Roberto Sergio e del direttore generale della Rai Giampaolo Rossi, di moltissimi volti noti dello spettacolo, professionisti del giornalismo, della cultura e del mondo imprenditoriale. Un evento che ha offerto numerosi spunti per confrontarsi su questioni centrali dei nostri tempi.

Con la sua verve da mattatore, è stato Fiorello il primo a salire sul palco: l’artista – in qualità di ideatore,

direttore artistico, autore e protagonista – ha ricevuto dall’ad Roberto Sergio il “Premio per la Televisione”

per il suo morning show di straordinario successo, “Viva Rai2!”. Subito dopo, il Ministro Antonio Tajani ha

consegnato a Roberta Metsola il “Premio per le Istituzioni Europee”, per il suo impegno per la pace e la

libertà di stampa, a partire dal caso di Daphne Caruana Galizia, e per la tutela dei giornalisti minacciati

nell’Unione europea e nel mondo. Il presidente della giuria del Premio Agnes Gianni Letta ha invece

conferito al giurista Sabino Cassese il “Premio Saggista e Scrittore” per il volume “Amministrare la

nazione. La crisi della burocrazia e i suoi rimedi” (Mondadori 2023), nel quale l’autore evidenzia le

contraddizioni di un “paese prismatico”, analizzando i fattori di crisi dell’amministrazione pubblica e

indicandone i possibili rimedi.

Il regista Pupi Avati ha ricevuto dal ministro Gennaro Sangiuliano il “Premio Cinema” per il ritratto sacro e

rispettoso del Sommo Poeta realizzato nell’ultimo lavoro, il film “Dante“, mentre il direttore del Il

Messaggero Massimo Martinelli ha consegnato all’attore Sergio Castellitto e a Maria Pia Ammirati,

direttrice Rai Fiction, il “Premio Fiction” per Il nostro Generale“, 8 puntate in onda su Rai1 dedicate al

generale Carlo Alberto dalla Chiesa, a quarant’anni dalla strage di Via Carini (3 settembre 1982). Alla serie

“cult” “Mare fuori“, il grande successo targato Rai e Rai Play che ha saputo appassionare i giovani con una

storia di riscatto sociale, il “Premio Generazione Streaming”: a ritirarlo sul palco gli attori Carmine Recano

e Lucrezia Guidone e la direttrice di Rai Play Elena Capparelli premiate dall’assessore Onorato. A Stefania

Battistini, inviata del Tg1, e Lorenzo Cremonesi, inviato del Corriere della Sera, è stato assegnato il “Premio

Reporter di guerra”, consegnato da Bruno Vespa: i due giornalisti, che hanno entrambi maturato una lunga

esperienza in zone di crisi, sono stati premiati per la loro testimonianza lucida e obiettiva direttamente sui

luoghi del conflitto russo-ucraino. Per aver raccontato la rivolta in Iran attraverso le voci delle sue

protagoniste, la giornalista de La Stampa Francesca Paci è stata premiata dalla direttrice Agnese Pini con

il “Premio per la Carta Stampata”Il sottosegretario all’Editoria Alberto Barachini ha consegnato a Silvia

Boccardi (Il Foglio, Will Media) il “Premio Generazione Digitale” -promosso dal dipartimento per

l’informazione e l’editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri- per il suo lavoro su diritti, sanità e

immigrazione, mentre il direttore intrattenimento Prime Time della Rai Marcello Ciannamea ha premiato

sul palco Margherita De Bac per la “Divulgazione Scientifica” per il suo lavoro dedicato alla scienza sulle

pagine del Corriere della Sera. Infine i conduttori Enrico Stinchelli e Michele Suozzo hanno ricevuto dal direttore di Tgcom24 Paolo Liguori il “Premio per la Radio” per il format Voci in Barcaccia. Largo ai giovani!, il primo concorso internazionale per giovani cantanti lirici ideato e organizzato da Rai Radio3.

La serata è stata impreziosita da un intrattenimento di qualità, con le performance di tre amatissimi artisti della canzone italiana: accolti dagli applausi della platea Al Bano, Arisa e Fausto Leali hanno incantato il pubblico interpretando alcuni dei loro brani più famosi.

Tante le personalità presenti alla manifestazione: Carlo Corazza, Direttore Ufficio Parlamento europeo in

Italia, Paolo Barelli, capogruppo di Forza Italia alla Camera, Rita Dalla Chiesa, Carlo Bartoli, presidente

Consiglio Nazionale Ordine dei Giornalisti, Simona Renata Baldassarre, Assessore Cultura Regione Lazio, i

consiglieri di amministrazione Rai Igor De Biasio, Alessandro Di Majo, i direttori Gian Marco Chiocci,

Antonio Preziosi, Mario Orfeo, Paolo Petrecca, Jacopo Volpi, Fabrizio Ferragni, Francesco Pionati, Andrea

Montanari, Alessandro Casarin, Nicola Rao, Paolo Corsini, Alessandra Ferraro, Francesco Giorgino,

Stefano Coletta, Fabrizio Zappi, Luigi Del Plavignano, l’amministratore delegato e direttore generale La7

Marco Ghigliani, il presidente Rai Com Claudia Mazzola, il vicedirettore Direzione comunicazione Rai

Fabrizio Casinelli, il direttore Milano Finanza Roberto Sommella, la direttrice di IoDonna Danda Santini, il

direttore di Radio Radicale Alessio Falconio, Franco Carraro, Giampaolo e Rossana Letta, lo sceneggiatore

Antonio Avati, Alessandro Giuli, presidente Fondazione Maxxi, Aurelio Regina, presidente di Fondimpresa,

l’editorialista de La Repubblica Stefano Folli, Gigi Marzullo, Serena Autieri, Laura Chimenti, Eleonora

Daniele, Incoronata Boccia, Antonello Perillo, Ingrid Muccitelli, Ezio Greggio, Luana Ravegnini con Renato

Della Valle, il regista Massimo Romeo Piparo, la vice presidente del Consiglio Superiore dello Spettacolo

Maria Rosaria Gianni, Roberta Ammendola, Annalisa Bruchi, le scrittrici Antonella Boralevi, Alessandra

Necci, il presidente Banca del Fucino Mauro Masi, il manager Roberto Nepote, l’attrice Marisa Laurito.

La cerimonia di premiazione è stata preceduta ieri mattina dall’incontro “Viaggio nel giornalismo del nostro

tempo tra corretta informazione e fake news” nella Sala Pietro da Cortona in Campidoglio. Moderato dalla

giornalista e conduttrice Laura Chimenti, e aperto dall’Assessore ai Grandi Eventi, Sport, Turismo e Moda

Alessandro Onorato e dal Sottosegretario di Stato con delega all’Editoria Alberto Barachini, il dibattito ha

visto la presenza di Sabino Cassese, Massimo Martinelli, Stefania Battistini, Margherita De Bac, con la

partecipazione di Gigi Marzullo. Al centro dell’evento uno dei temi più attuali, quello della disinformazione e

della diffusione di false notizie spesso sui social. La digitalizzazione, le piattaforme online e i social media

rappresentano infatti il terreno di coltura “ideale” per questo fenomeno, al quale i professionisti

dell’informazione devono contrapporsi con un giornalismo autorevole e accurato. Le fake news sono

pericolose e subdole, proprio perché minano la consapevolezza, e dunque, la libertà dei cittadini: ecco

perché è importante che soprattutto i giovani imparino a distinguere tra notizie false e fonti credibili. Al

termine dell’incontro Simona Agnes ha consegnato a Valeria Verbaro la Borsa di Studio come prima

classificata in graduatoria della Scuola Superiore di Giornalismo dell’Università Luiss di Roma.

PATROCINI

Camera dei deputati, Presidenza del Consiglio dei Ministri, Sotto l’Alto Patrocinio del Parlamento europeo, Ministero della Cultura, Regione Lazio, Roma Capitale, Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, Federazione Nazionale della Stampa Italiana, Unione Cattolica della Stampa Italiana.

GIURIA

Gianni Letta (Presidente), Giulio Anselmi, Alberto Barachini, Carlo Bartoli, Stefano Folli, Luciano Fontana, Luigi Gubitosi, Paolo Liguori, Pierluigi Magnaschi, Giuseppe Marra, Massimo Martinelli, Antonio Martusciello, Agnese Pini, Antonio Polito, Aurelio Regina, Danda Santini, Roberto Sergio, Marcello Sorgi, Fabio Tamburini, Mons. Dario Edoardo Viganò.

Si ringraziano Poste Italiane, Terna, IGT, PTS, BPER Banca, MAG.