Teatro Parioli: Presentata la ricca stagione 2023 – 2024

STAGIONE TEATRALE 2023/2024

RIDERE, PENSARE, EMOZIONARSI
Presentata la terza stagione del Teatro Parioli.

Una programmazione eclettica sempre attenta alla qualità delle proposte.

“Ridere, Pensare, Emozionarsi” sono i tre verbi che accompagnano la stagione 2023-2024 del
Teatro Parioli. Riconosciuto lo scorso anno dal MIC quale Centro di Produzione, il Parioli – rilevato
due anni fa da Michele ed Enzo Gentile insieme a Giovanni Vernassa, con il sostegno di Banca del
Fucino – forte delle presenze in costante crescita, per questo terzo anno conferma una
programmazione eclettica ma sempre attenta alla qualità delle proposte.
Piero Maccarinelli direttore artistico ci presenta brevemente la Stagione 2023-2024.
Inaugura la stagione, portando pensiero ed emozione, Il Caso Kaufmann, novità assoluta di
Giovanni Grasso, produzione Il Parioli con Teatro Stabile di Torino, Centro Teatrale Bresciano e
Teatro Nuovo di Verona. Franco Branciaroli guida un importante cast composto da Graziano
Piazza, Viola Graziosi, Alessandro Albertini, Franca Penone e Pierluigi Fasolo, regia di Piero
Maccarinelli. Una riflessione sulla violenza, il razzismo, la discriminazione, la persecuzione ebraica
durante il nazismo (25 – 29 Ottobre).
Uno dei più importanti testi della drammaturgia contemporanea italiana viene affrontato da
Arturo Cirillo, in scena con Sabrina Scuccimarra, Anna Rita Vitolo, Riccardo Ciccarelli: Ferdinando
di Annibale Ruccello. Ci potremo divertire ed emozionare nell’assistere agli scontri fra Donna
Clotilde e Gesualda, Don Catellino e Ferdinando, guidati dalla splendida lingua di Ruccello.
Prodotto da Marche Teatro Metastasio di Prato e Teatro Bellini di Napoli (1 – 5 Novembre).
Pensiero e divertimento per Enzo De Caro che proporrà L’avaro immaginario da Moliere/ De
Filippo da lui adattato e diretto. In scena con De Caro anche Nunzia Schiano. “L’ Avaro” e “Il
Malato Immaginario” sono stati i due titoli a cui, una generazione dopo l’altra, i De Filippo, padre e
figlio, hanno dedicato seppur con differenti approcci la loro attenzione, sia teatrale che umana, dal
momento che per entrambi, come del resto per Molière, il confine tra la rappresentazione teatrale
e la vita come teatro, è stato davvero sottile. Prodotto da I Due della città del sole (15 – 19
Novembre).
Sal da Vinci accompagnato da tre musicisti e da Ernesto Lama – con testi di Luca Miniero e Sal da
Vinci- sarà il protagonista di Sal da Vinci Stories, una produzione di Artisti Riuniti. Storie impostate
per Instagram, storie private e delicate, un viaggio profondo, psicoanalitico, emozionante fra
Napoli, la musica e i colori di un artista che sfugge ad ogni schema (22 Novembre – 3 Dicembre).
Pensare e divertirsi con A che servono questi quattrini di Armando Curcio, produzione La
Pirandelliana, con Nello Mascia e Valerio Santoro e la regia di Andrea Renzi. Una storica commedia
messa in scena dai De Filippo sugli inganni dell’economia in due famiglie, una poverissima e l’altra
in apparenza arricchita. (dal 6 – 17 dicembre)

Natale e capodanno all’insegna del divertimento brillante con Taxi a due piazze di Ray Cooney,
con la regia di Chiara Noschese, prodotto da Enfi Teatro. Protagonista sarà Barbara D’Urso, nei
panni della tassista che si districa fra i due mariti – Franco Oppini e Giampaolo Gambi – in due parti
della città, insieme a Rosalia Porcaro, l’amica a conoscenza della sua doppia vita. È la prima
versione al femminile della famosissima commedia di Cooney (26 dicembre – 7 Gennaio 2024).
Con Mettici la Mano, troviamo in scena il Brigadiere Maione e Bambinella nati dalla penna di
Maurizio De Giovanni, per l’ultima regia di Alessandro d’Alatri. Nei panni dei due protagonisti,
Antonio Milo e Adriano Falivene, insieme ad Elisabetta Mirra, una produzione del Teatro Diana. Lo
spettacolo è una costola drammaturgica della famosa saga del “Commissario Ricciardi”; due
protagonisti, uno con il rigore della divisa, l’altro con la leggerezza della femminilità travestita nella
Napoli del dopoguerra (dal 10 al 21 Gennaio).
Pensiero ed emozione per lo spettacolo di Leo Gullotta, che con la regia di Fabio Grossi, presenta
In ogni vita la pioggia deve cadere, tenera e profonda riflessione sulla vita di una coppia
arcobaleno. Spettacolo coprodotto dal Teatro Stabile d’Abruzzo, Argot Produzioni e Stefano
Francioni (dal 24 al 28 Gennaio).
Farà Giorno, commedia in due atti di Rosa A. Menduni e Roberto De Giorgi, a dieci anni di distanza
dall’edizione con Gianrico Tedeschi, sarà in scena a Roma dopo quattro settimane di esaurito al
Teatro Franco Parenti – che lo produce. In scena Antonello Fassari, Alvia Reale e Alberto Onofrietti.
Tre generazioni alla ricerca di un difficile punto di incontro. Seguire le vicende di Manuel, Renato e
Aurora, sarà un’occasione per ridere, pensare ed emozionarsi. La regia è quella della prima
edizione di Piero Maccarinelli (dal 31 Gennaio all’11 Febbraio).


Dopo il grande successo della scorsa stagione, ritorna Quasi Amici, tratto dall’omonimo film di Eric
Toledano ed Eric Nakache per la regia di Alberto Ferrari che ne cura anche l’adattamento per
l’inedita coppia composta da Massimo Ghini e Paolo Ruffini. Prodotto da Enfi Teatro, anche questo
spettacolo sarà una bella occasione per ridere, pensare ed emozionarsi (dal 13 al 18 Febbraio).
Lucrezia Lante della Rovere e Stefano Santospago sono i protagonisti di La Divina Sarah di Eric
Emmanuel Schmit. Uno dei più importanti drammaturghi francesi scrive un divertissement sulla
funzione dell’artista e il senso del teatro; dialogo divertente e commovente per la regia di Daniele
Salvo, prodotto da Palcoscenico Italiano (dal 21 al 25 febbraio).
Pensiero e divertimento, sono questi i contenuti proposti dalla Pirandelliana con un gioiello della
drammaturgia britannica: Il Malloppo, commedia nera di Joe Orton per la regia di Francesco
Saponaro. Protagonisti: Gianfelice Imparato, Marina Massironi e Valerio Santoro. Un incubo
freudiano, violentemente comico, che mostra i fantasmi nascosti negli armadi nella società inglese
di quegli anni (dal 28 febbraio al 10 marzo).
Massimiliano Bruno ritorna – dopo il grande successo della scorsa stagione – sempre prodotto dal
Parioli, con lo spettacolo Lo stato delle cose- seconda parte. 30 giovani attrici e attori, guidati in
scena dallo stesso Massimiliano Bruno, si alterneranno in scena. Si potrà assistere ad un ventaglio
di testi inediti sui più svariati argomenti di un autore in cerca di attori, coniugando una missione
generazionale tanto cara al Parioli con i tre temi dell’anno: ridere, pensare ed emozionarsi (dal 13
al 28 marzo).

Ritorna a grande richiesta Il Figlio di Zeller con Cesare Bocci, Galatea Ranzi, Marta Gastini,
Riccardo Floris e la rivelazione Giulio Pranno (candidato al Premio Le Maschere) testo importante
sulle incomprensioni genitori figli. Prodotto da Il Parioli, un testo che ci permette pensieri ed
emozioni profonde. La regia è di Piero Maccarinelli (dal 3 al 7 di Aprile).
Cristina Comencini proporrà il suo nuovo spettacolo dal titolo I Turni. Commedia raffinata e
dolceamara nell’inconfondibile stile dell’autrice. Chi ha deciso il ruolo che abbiamo in ogni
famiglia? Se lo chiedono due sorelle che – la domenica – fanno i turni dalla madre malata. Opposti
caratteri, opposte vite, tutto sembra scelto ed invece non lo è. All’arrivo del fratello, che non
partecipa mai ai turni, le due lo chiudono in casa, ribaltano i ruoli e tornando con la fantasia ed il
gioco, alla tenerezza ed all’indefinitezza dei tre bambini che erano, quando si amavano e tutto
sembrava possibile per ognuno di loro. Produzione Il Parioli (dal 10 al 21 Aprile).
Sempre per regalare al pubblico, pensieri ed emozioni, La Pirandelliana propone Anna dei Miracoli
di William Gibson. Una drammaturgia coinvolgente ed emozionante sull’amore straordinario di chi
si prende cura del più debole semplicemente perché è “diverso” e proprio per questo ha bisogno
di aiuto e di amore, più di chiunque altro. Protagonista Mascia Musy, regia di Emanuela Giordano
(dal 24 al 28 Aprile)
Emozione e pensiero per Le assaggiatrici di H*tler di Michelle Kholos Bloch, adattato da Enrico
Luttmann ed Elena Sbardella, anche regista. Quattro giovani attrici saranno le assaggiatrici del cibo
di Hitler. Come tutte le ragazze, vogliono ridere, amare e soprattutto sopravvivere. Lo spettacolo
sarà in scena per la prima volta in Italia (dal 2 al 5 Maggio).
La Madre di Eva, scritto diretto e interpretato da Stefania Rocca, è un potente ed emozionante
racconto dei rapporti fra una madre e il figlio transgender. Un percorso fra due generazioni, per
riconoscere la diversità come un valore. Una produzione Enfi Teatro, Stage e OraOne production
(dall’8 al 12 Maggio).
Discorsi amorosi, ovvero tutto quello che sopportiamo per amore ma senza il quale non riusciamo
a vivere. Sarà il nuovo divertente e pensieroso spettacolo di Riccardo Rossi in scena al Teatro
Parioli. Rossi sarà accompagnato da Leonardo Colombati. Produzione di AB Management (dal 15 al
26 Maggio).
Proseguirà anche il rapporto con Centro Sperimentale di Cinematografia e Accademia Silvio
D’Amico con due spettacoli finali che chiudono la stagione.

SEZIONE ALTRI PERCORSI
Nel mese di ottobre e prima delle feste di Natale, Paolo Ruffini con il Parioli Comedy lab
presenterà alcuni dei migliori talenti della stand-up comedy, fra cui Francesca Bozza, Andrea Paris,
Casa Abis, Massimo Ceccarini e Chiara Anicito. (17 -18- 19 -20 -21 e 22 Ottobre; 20 Novembre; 18
– 19 -20 -21 -22 e 23 Dicembre).
Una Come Me è lo spettacolo che vede protagonisti Matilde Brandi e Salvatore Buccafusca con la
regia di Francesco Branchetti; una commedia sul tema delle contraddizioni che vivono in ognuno
di noi, e di come sia possibile essere più persone nello stesso tempo. (6 e 7 novembre).
Ritorna una produzione targata Il Parioli: David Parenzo in Ebreo, regia di Alberto Ferrari. Un
divertente e complesso monologo di Parenzo sull’identità ebraica. (9 e 10 Novembre).

Bellezza imperfetta-tra vacche e stelle di Diego Dalla Palma che ci racconta la sua idea di bellezza,
non come quella scontata proposta dai mass media ma quella che ha le sue radici
nell’imperfezione e nel dolore. Accompagnato dalle musiche di Cesare Picco e con la regia di
Ferdinando Ceriani, Dalla Palma fa un omaggio personale e poetico alla bellezza. (11 e 12
Novembre).
Elisa Greco ritorna con tre nuovi appuntamenti del suo fortunato format La Storia a Processo!
Colpevole o Innocente? in cui importanti intellettuali, artisti, politici, conducono un processo a tre
personaggi – della storia recente e passata – con il pubblico chiamato a giudicare. (21 Novembre –
23 Gennaio – 19 Marzo).
Paolo Crepet proporrà Prendetevi la luna. C’è sete e fame di parole, di pensiero e Crepet ci invita
ad alzare la fronte e continuare a sognare. (20 Febbraio).
Paolo Cevoli presenterà Andavo ai 100 all’ora. Come cantava Gianni Morandi in quegli anni 60,
Cevoli immagina di raccontare ai figli dei suoi figli come era la vita in quegli anni, quando lui era
bambino. nostalgia emozione e risate! (27 Febbraio)
Lorenzo Balducci proporrà il suo nuovo lavoro E.G.O. L’arte di essere felici, di Riccardo Pachini e
Mariano Lamberti anche regista. La felicita e gli extreme game over fra Heidegger Hillman a Paola
e Chiara. Una riflessione estrema fra dipartita e felicità (Aprile 2024).
Filippo Caccamo presenterà il suo nuovo spettacolo, uno show a 360 gradi che prende le mosse
dal mondo della scuola e spazia in più ambiti, usando sempre e costantemente il metro della
risata. Partito dal web ora si riversa in teatro. Produzione Teatro Verdi Montecatini (28 – 30
Maggio).
IL PARIOLI: PRODUZIONI E TOURNÈE
Il Teatro Parioli, riconosciuto dal MIC quale Centro di Produzione teatrale, non è solo nell’
accogliente sala di Via Giosuè Borsi a Roma, ma annovera una serie di produzioni e coproduzioni di
grande prestigio.

  • Fantozzi: Una importante coproduzione tra Enfi Teatro e il Teatro Stabile di Genova sarà
    Fantozzi, dai testi di Paolo Villaggio, drammaturgia e regia di Davide Livermore
  • Il caso Kaufman (produzione Il Parioli con Teatro Stabile di Torino Centro Teatrale
    Bresciano e Teatro Nuovo di Verona)
  • Chicago: In coproduzione tra Enfi Teatro, il Nuovo Teatro Nazionale di Milano; con le
    coreografie di Franco Miseria e la regia di Chiara Noschese
  • IL Figlio di Zeller (Produzione Il Parioli e Teatro La Pergola)
  • Fred con Matthias Martelli e la regia di Arturo Brachetti (produzione Enfi Teatro con il
    teatro Stabile di Torino)
  • Sister Act: coproduzione tra Enfi Teatro, il Nuovo Teatro Nazionale di Milano; con le
    coreografie di Franco Miseria e la regia di Chiara Noschese
  • Ebreo di e con David Parenzo (produzione il Parioli)
  • Lo Stato delle cose di Massimiliano Bruno (produzione il Parioli)
    IL PARIOLI: PRODUZIONI PER RAGAZZI
    Nei week end di settembre e ottobre alle ore 17 proporremo una rassegna di spettacoli per
    bambini e genitori fra cui Il Piccolo Principe prodotto da Il Parioli, con la regia di Maria Cristina
    Giambruno e le scene di Roberto Crea. Per il Piccolo Principe, parte del cast sarà composto
    dall’esito di uno stage che si terrà presso il Teatro dei Marsi di Avezzano; in coproduzione con
    Accademia Perdonata e Romagna Teatri anche Il Lupo E I Sette Capretti.
    Tra le produzioni per ragazzi Il Colpevole di Emanuela Giordano che affronta il tema del bullismo e
    Le assaggiatrici di H*tler di Michelle Kholos Bloch, adattato da Enrico Luttmann ed Elena

Sbardella, regia di Elena Sbardella (il cast in via di definizione sarà a breve selezionato dalla regista
tramite provino).
EVENTI ED INIZIATIVE
Nella stagione 23/24 sono allo studio numerose iniziative culturali che saranno comunicate ad
ottobre, fra queste: Tutti a Teatro, rassegna di spettacoli per famiglie, la collaborazione con
l’Accademia Molly Bloom per la presentazione di eventi letterari e l’aperitivo del mercoledì alle
ore 19.00 condotto da Katia Ippaso con attrici, attori e protagonisti del cartellone in
abbonamento.
TEATRO DEI MARSI DI AVEZZANO
Anche quest’anno il Nuovo Teatro Parioli prosegue la collaborazione con il Comune di Avezzano e
il Teatro dei Marsi, seconda sede del Centro di produzione, dove verranno effettuati gli
allestimenti e dove debutteranno tutti gli spettacoli di nostra produzione.
Per il terzo anno consecutivo la nostra società si occuperà dell’organizzazione della stagione di
prosa dopo il successo di quella appena trascorsa. Approfittiamo dell’occasione per ringraziare il
Comune di Avezzano nelle persone del Sindaco Gianni Di Pancrazio, del vice sindaco Domenico Di
Berardino e dell’Assessore alla cultura Pierluigi Di Stefano.
IL BISTROT
Dal 2022 al Teatro Parioli è aperto il bistrot. Tutte le sere, ad accompagnare gli spettacoli, il bistrot
del Teatro Parioli è la risposta a tutti coloro che sono alla ricerca di un locale in cui godere di un
aperitivo di alta qualità e prestigiosi eventi. Un ambiente confortevole, che ha saputo valorizzare
ulteriormente la prestigiosa stagione del Parioli.

Un ringraziamento particolare va agli Sponsor che in questi primi tre anni hanno offerto il loro
sostegno:
Banca del Fucino – Banca del Fucino è una banca romana fondata nel 1923 da Giovanni Torlonia
per finanziare attività economiche nei territori interessati dalla bonifica del lago del Fucino. Nel
corso degli anni Banca del Fucino è diventata una delle realtà bancarie di riferimento della capitale
riuscendo a mantenere la propria indipendenza rispetto ai grandi gruppi bancari che negli ultimi
anni hanno incorporato le principali banche della città. La Banca del Fucino è particolarmente
sensibile alla tutela e alla promozione della cultura con particolare attenzione al territorio in cui la
Banca è radicata. L’impegno della Banca del Fucino a favore della cultura si è tradotto nel 2020
con l’accordo con ISP-Imprese Stabili Produzione Spettacolo e Banca del Fucino al fine di sostenere
concretamente il patrimonio artistico ed economico rappresentato dal teatro e dal mondo dello
spettacolo più̀ in generale.
Mobilificio Corridi, oltre cinquanta anni spesi a dar forma agli spazi di lavoro.
Bambu’s Parioli Bar delizie e sapori dal 1949.